Lo spuntino

Lo spuntino

L’importanza di un pasto leggero, tra la colazione ed il pranzo, una delle consuetudini più amate in Croazia. Nella regione di Zagabria ed in alcune aree della regione centrale, questo leggero pasto si chiama gablec; a sud, lungo l’Adriatico, dalla regione istriana a quella di Dubrovnik, quest’importante istituzione sociale si chiama marenda. I gableci e le marende sono un’abitudine diffusa, ed anche queste pietanze, normalmente d’origine popolare, sono, per la gran parte, poco costose; solitamente si tratta di pietanze che si mangiano con il cucchiaio, con un buon pane fresco da immergere nel piatto, e quando il cibo buono, con il pane ci si fa anche la “scarpetta”.

 

I ristoranti popolari e le trattorie propongono spesso menu particolari per le marende o per i gableci, che si preparano e servono soltanto nelle tarde ore della mattina. Una minestra di fagioli con aggiunta di pancetta, di resti di prosciutto crudo ancora uniti all’osso, di salsicce o, più raramente, di carne di pecora essiccata, in un infinito numero di varianti, rappresentano un classico sia delle marende come dei gableci.


La trippa si trova al secondo posto di questa classifica. La trippa d’agnello più rara e più apprezzata di quella solita di manzo e, dalle regioni croate del Mediterraneo, si estesa anche al continente. La trippa di caprone una rarità ed un culto. Gli stufati detti paprikaš e gulaš occupano il terzo posto in questa classifica.

Bakalar
Maja Danica Pečanić

Sebbene in Croazia non vi sia l’uso di essiccare il baccalà, esso , tra i Croati, una pietanza di culto, quasi immancabile per la Vigilia di Natale. Esso si serve a marenda soprattutto di venerdì, solitamente in forma di minestra densa con patate, e condita con aglio, in bianco o al pomodoro.

 

Le marende si accompagnano con il vino, spesso annacquato per poter continuare la giornata lavorativa. I vini da tavola bianchi del continente, con un’acidità più marcata, si bevono con l’aggiunta d’acqua minerale gassata e prendono il nome di gemišt, con l’aggiunta di soda prendono il nome di špricer. Nelle regioni marittime, al vino s’aggiunge l’acqua naturale, e questa bibita prende il nome di bevanda.

Maja Danica Pečanić